PROSTATITESESSO

Prostatite cause sessuali più comuni

Prostatite: di cosa si tratta

Che cos’è la prostatite e in cosa consiste

La prostatite è una malattia caratterizzata dall’infiammazione e dall’infezione della ghiandola prostatica. Essa oggi giorno colpisce tantissimi uomini soprattutto dopo i sessant’anni, ma può anche riguardare i maschi dopo i quarant’anni. In alcuni casi invece tale disturbo può interessare soggetti di età ancora inferiore e pertanto si parla di prostatite giovanile.

Tale malattia riguarda la prostata, un elemento fondamentale per l’uomo dal momento che agisce in maniera attiva nella formazione del liquido seminale. Proprio per tale ragione in molti casi la prostatite potrebbe anche causare infertilità. È stato dimostrato infatti che circa il 18% dei casi di infertilità è dovuto proprio a questa malattia.

Tale dato viene anche confermato dal fatto che la prostata partecipa per oltre il 30% alla formazione del liquido seminale e conferisce altre sostanze utili agli spermatozoi. Quando la prostata si infiamma (a causa di infezioni batteriche nella maggior parte dei casi) l’uomo può essere colpito da questa malattia e avere gravi problemi in diversi ambiti. Purtroppo oggigiorno tale disturbo è piuttosto diffuso e comune: sembrerebbe infatti che circa il 38% degli uomini sessualmente attivi venga colpito dalla prostatite. Quest’ultima in molte circostanze può essere davvero invalidante e inibire anche i rapporti sessuali. Fortunatamente negli ultimi tempi sono state sviluppate delle cure adatte e dei metodi di prevenzione che possono allontanare il problema.

Sintomi della prostatite

Come accorgersi del problema alla prostata

La prostatite può manifestarsi in diversi modi a seconda del soggetto interessato e della gravità del problema. Naturalmente esistono dei sintomi più o meno chiari che possono essere un campanello d’allarme. Tra questi bisogna considerare il dolore nell’effettuare la minzione (sensazione di vescica non svuotata completamente, calo del getto dell’urina, sgocciolio finale), dolore rettale o inguinale, bruciore, fastidio.

Tra i sintomi più evidenti ci sono senza dubbio quelli che apportano dolore perché sono i più facili da riconoscere. In particolare è la zona del perineo (dai testicoli all’ano) che si avverte una maggiore sensazione di fastidio e pesantezza. Il dolore però si può avvertire anche in altre zone come ad esempio sulla punta del pene (in questa zona si può avvertire molto bruciore e irritazione), a livello della vescica (cioè la zona sopra il pube) oppure un dolore all’inguine come se si indossassero degli slip troppo stretti. Anche la mancanza di desiderio sessuale, un calo dell’erezione, eiaculazione precoce e la presenza di sangue nello sperma possono essere dei sintomi della manifestazione del problema.

Prostatite cause sessuali

Le principali cause sessuali della prostatite

La prostatite può essere causata da diversi fattori che incidono più o meno sulla malattia. Tra quelli più comuni ci sono senza dubbio le cause sessuali che possono influire sulla comparsa del disturbo. Ad esempio la prostatite può nascere in seguito a lunghi o medi periodi di astinenza sessuale in cui non avviene l’eiaculazione dal momento che viene interrotta l’attività secretoria della ghiandola prostatale. Anche praticare un rapporto anale senza protezione oppure il coito interrotto possono essere tra le cause sessuali più frequenti che portano allo prostatite dal momento che la malattia viene generata da un’infezione batterica. Non bisogna dimenticare poi che chi ha rapporti occasionali e multipli non protetti ha più probabilità di poter contrarre la malattia.

Altre cause della prostatite

Quali sono le altre cause che portano a questa malattia

Oltre alle cause sessuali naturalmente la prostatite può essere anche generata da altri fattori, primo fra tutti l’alimentazione. Mangiare in modo poco sano e non equilibrato può portare alla formazione di disturbi della prostata, in particolare se si prediligono formaggi, alimenti ricchi di carboidrati, bevande troppo alcoliche oppure la caffeina. Allo stesso modo una scarsa idratazione può essere una causa scatenante ella prostatite. Anche il tabacco non è certamente salutare per la prostata oltre che per l’intero organismo. È stato infatti dimostrato che chi fuma è tendenzialmente più portato a contrarre la malattia.

Tra le cause più importanti non bisogna poi dimenticare l’età e la genetica: chi ha in famiglia una persona soggetta a questa tipo di infiammazione potrebbe essere a rischio. Altri fattori che generano la prostatite sono quelli che riguardano la psiche. In molti sottovalutano il potere delle mente umana: chi vive una situazione di forte stress oppure ha tensioni emozionali potrebbe essere colpito dall’infiammazione. Anche le troppe sollecitazioni muscoli infine (come andare in bici, la corsa o un lavoro troppo pesante) possono rappresentare delle cause scatenanti.

Diagnosi e cura per la prostatite

Come curare la prostatite

Per ottenere una diagnosi esatta e sapere se si è affetti da prostatite è necessario eseguire alcuni esami specifici che saranno in grado di fornire la risposta. Tra questi è opportuno ricordare l’analisi dello sperma, la visita urologica, l’uroflussimetria e l’ecografia vescico-prostatica. Dopo aver appurato il problema è possibile trovare delle soluzione adatte che possono portare alla cura della malattia. Per prima cosa è necessario seguire un’alimentazione equilibrata e sana, preferendo alimenti ricchi di vitamine e sali minerali come la vitamina E, la vitamina D3 e lo zinco. Inoltre è bene prediligere cibi che contengono polifenoli, licopene e isoflavoni. Tali sostanze si possono trovare ad esempio nel tè verde, nell’uva, nei pomodori e nella soia.

Un altro valido aiuto nella cura della prostatite è sicuramente Prostatricum.

Si tratta di un prodotto in grado di eliminare la malattia, favorendo le normali attività urinarie e aumentando il desiderio sessuale. Questo prodotto è un valido alleato per tale disturbo poiché è caratterizzato dalla combinazione di quattro elementi naturali come l’estratto di Echinacea, l’estratto di Ginkgo Biloba, lo Zinc e l’estratto di Saw Palmetto. Questo prodotto va assunto tre volte al giorno dopo i pasti ed è in grado di eliminare il problema in un solo corso.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RICEVERE LE OFFERTE: CLICCA QUI


Tags

Redazione

Curiamo la redazione di Curarsibene.it con passione ed impegno, cercando di dare quante maggiori informazioni utili ai nostri lettori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PRODOTTO DELL'ANNO !SCOPRI DI PIU'