PROSTATITE

Prostatite Acuta: Sintomi Cause e Cura

Cosa è la prostatite acuta

La prostata è una ghiandola dell’apparato genitale maschile situata in corrispondenza della vescica e davanti al retto, ha la forma di una castagna e svolge diverse importanti funzioni. In particolare, la prostata ha la specifica funzione di produrre la componente liquida del seme, elemento essenziale per la corretta funzionalità della fertilità maschile.

La prostatite è un’infiammazione di natura batterica che può manifestarsi con diversi sintomi: dolore, difficoltà nella minzione, bruciore, ecc. La prostatite, come la definiscono gli esperti è un processo infiammatorio che coinvolge sia la prostata che i tessuti circostanti.

La prostatite è una patologia che colpisce gli uomini di un’età compresa tra i 20-50 anni, e si presenta nella maggior parte dei casi negli individui che hanno compiuto i 40 anni; solo un terzo dei casi di prostatite si verifica dopo i 50 anni. Esistono diversi tipi di prostatite, alcune forme meno dolorose, altre invece caratterizzate dalla cronicità e dalla persistenza dei sintomi. I principali tipi di prostatite sono:

– prostatite batterica acuta;
– batterica cronica;
– abatterica cronica;
– prostatite asintomatica.

La prostatite asintomatica, visto che non vi sono sintomi evidenti, può essere diagnosticata solo se vengono effettuati degli esami del tratto urinario o dell’apparato riproduttivo, in ogni caso non necessita di nessun trattamento farmacologico. È importante evidenziare che i batteri responsabili dell’insorgenza della prostatite sono già presenti nell’organismo e più precisamente nella flora intestinale e solo se raggiungono le vie seminali possono causare la malattia.

I sintomi della prostatite acuta

Nella prostatite acuta i sintomi si manifestano, a seconda dei casi, con maggiore o minore intensità e soprattutto non necessariamente compaiono nel primo periodo, ma solo durante la fase più acuta. In generale, il sintomo più frequente è il dolore sordo e persistente in prossimità di alcune parti dell’apparato genitale maschile: pene, scroto, ano e se particolarmente acuta anche nella parte inferiore della schiena e nella parte bassa dell’addome.

Oltre al dolore continuo nella zona pelvica vi sono altri sintomi che possono manifestarsi come ad esempio la difficoltà ad iniziare la minzione o un bruciore durante tale atto (stranguria).

In alcuni casi si può presentare un aumento della minzione, soprattutto nelle ore notturne (nicturia) o addirittura avere la sensazione di avere sempre l’urgenza di urinare o di avere la vescica piena. Nelle forme più acute di prostatite, alcuni pazienti hanno lamentato febbre, spasmi all’addome, brividi e presenza di sangue nello sperma. Solo pochissimi pazienti che hanno sofferto di prostatite acuta hanno comunicato di avere avuto un aumento delle perdite di sperma durante la malattia.

Quando si presentano i primi sintomi è sempre opportuno contattare il medico, che provvederà all’all’individuazione della patologia e vi somministrerà i farmaci più adatti per ridurre il dolore o gli altri sintomi. Molti soggetti sottovalutano il problema e solo dopo diverse settimane ricorrono all’aiuto del medico, questo ritardo può determinare un acutizzarsi dei sintomi e un peggioramento della situazione generale.

Le principali cause

La prostatite acuta o sindrome del dolore pelvico è una malattia abbastanza dolorosa e fastidiosa, se non curata correttamente e sono molteplice le cause che possono contribuire alla sua manifestazione. La prostatite batterica, come suggerisce il nome, può essere causata da diversi tipi di batteri gram-negativi come l’escherichia coli, l’enterobacter o il Serratia, ma anche alcuni agenti responsabili delle malattie sessualmente trasmissibili possono contribuire all’insorgenza: Chlamydia, Neisseria, Trichomonas.

Non essendo ancora individuata una causa specifica, si presume che la prostatite acuta possa dipendere anche dalle caratteristiche specifiche del sistema immunitario o dalla composizione chimica dell’urina.

In aggiunta a queste cause conclamate, vi sono alcuni fattori di rischio che possono predisporre l’individuo a contrarre la prostatite acuta: fattori ereditari, fumo, danni alla regione pelvica, età, infezioni del tratto urinario, diabete, consumo eccessivo di alcool, uso del catetere, diabete, ecc. In aggiunta ai fattori di rischio più comuni, gli esperti asseriscono che anche i rapporti sessuali non protetti o la prolungata astinenza sessuale possono essere determinanti nella comparsa della prostatite acuta. Se in passato si è già sofferto di prostatite acuta è molto probabile che si presenti nuovamente, se non si adottano particolari accorgimenti.

Come curare la prostatite acuta

La prostatite acuta deve essere assolutamente curata per non aggravare i sintomi e soprattutto per evitare spiacevoli recidive. Se la prostatite non viene curata correttamente può contribuire all’insorgenza di altre gravi patologie: impotenza o sterilità, adenoma della prostata o nei casi più gravi anche al cancro alla prostata.

Nel caso si presenti una prostatite acuta, il medico per ridurre i sintomi e curare la malattia vi prescriverà degli antibiotici, in base al tipo di batterio che ha provocato l’infezione.

Gli antibiotici devono essere presi almeno per una o due settimane, ma solitamente l’urologo consiglia di assumere i farmaci per almeno quattro settimane, una terapia che può prevenire le recidive. In abbinamento agli antibiotici si deve seguire una corretta dieta alimentare e aumentare l’assunzione di liquidi.

Se invece preferite una cura naturale che riduca in breve tempo i sintomi causati dalla prostatite acuta, potete provare il nuovissimo prodotto Prostatricum, un integratore alimentare consigliato per chi soffre di questa patologia.

Le comprese Prostatricum, se assunte con regolarità (almeno 1-3 capsule al giorno, a seconda dell’intensità dei sintomi) è in grado di ridurre notevolmente il dolore concentrato nell’area pelvica, di facilitare la minzione e di eliminare rapidamente gli altri sintomi.

Prostatricum è un prodotto certificato e garantito, contenente esclusivamente ingredienti naturali in grado di ridurre e eliminare l’infezione batterica.

In particolare, nelle capsule di Prostatricum sono presenti: estratto di echinacea, estratto di ginkgo biloba e tanti altri componenti naturali che aiutano a recuperare la libido e a regolarizzare la funzione urinaria, eliminando del tutto i sintomi della prostatite acuta. Le capsule di Prostatricum sono acquistabili solo sul sito ufficiale del produttore e non le troverete in farmacia o su altri marketplace online.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RICEVERE LE OFFERTE: CLICCA QUI


Tags

Redazione

Curiamo la redazione di Curarsibene.it con passione ed impegno, cercando di dare quante maggiori informazioni utili ai nostri lettori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PRODOTTO DELL'ANNO !SCOPRI DI PIU'