PROSTATITE

Prostata Ingrossata: Cause e Rimedi

Cos’è la prostata ingrossata

Se sei un uomo al di sopra dei quarant’anni avrai molto probabilmente sentito parlare dal tuo medico dei disturbi alla prostata e i relativi controlli consigliati già a questa età. Fra di essi primeggia la ben nota prostata ingrossata, definita anche con termini più tecnici come ipertrofia prostatica benigna, adenoma prostatico oppure iperplasia prostatica benigna.

Tutte parole che a sentirle così incutono un po’ timore, ma che sono in realtà lo stesso concetto, sinonimo di un problema esclusivamente maschile abbastanza frequente in età avanzata. Prostata ingrossata è la definizione più comune di una condizione medica determinata dall’ingrossamento della ghiandola prostatica, senza cause di natura cancerosa a monte.

Questo ingrossamento causa una serie di disturbi di entità variabile, anche molto lievi specialmente nelle sue fasi iniziali, ma potenzialmente sempre più gravi se il problema viene trascurato. Alla comparsa dei primi sintomi dunque, bisogna mettere da parte ogni riluttanza o imbarazzo e parlarne subito col medico, per intervenire rapidamente e nella maniera migliore.

PRODOTTO CONSIGLIATO PER LA CURA DELLA PROSTATITE

Quali sono i sintomi principali della prostata ingrossata

Spesso i fastidi portati dalla prostata ingrossata vengono trascurati, scambiati per normali problemi che insorgono con l’avanzare dell’età e dunque minimizzati. I sintomi coinvolgono varie difficoltà urinarie, in quanto il rigonfiamento della prostata va a premere sull’uretra, comprimendola.
La disuria per esempio, ossia la difficoltà durante la minzione, si accompagna ad un bisogno frequente di fare pipì nonostante la si abbia fatta da poco. Queste due problematiche sono spesso affiancate anche alla pollachiuria, ossia l’emissione di minuscole quantità di urina molto di frequente, anziché il normale svuotarsi completo della vescica in una volta sola.

La minzione stessa è accompagnata da bruciori, e qualche volta dal fenomeno dell’ematuria ossia da qualche goccia di sangue. Ne conseguono dunque la fastidiosa sensazione di non aver mai urinato fino alla fine e di avere sempre la vescica piena, lo stressante bisogno frequente di urinare più volte in particolare durante la notte, e la perdita di qualche goccia di pipì dopo la normale minzione.

Non tutti questi sintomi sono sempre obbligatoriamente presenti, in alcuni casi si ha addirittura un’assenza quasi totale di segnali specifici, per questo visite mediche regolari sono sempre consigliate nel corso degli anni.
Per molti uomini questi sintomi si traducono in stress, notti con scarso riposo, o una certa inibizione anche del desiderio sessuale che può diminuire sensibilmente la qualità della vita.

Le cause della prostata ingrossata

La ricerca delle cause di questo problema non è ancora giunta ad una spiegazione univoca e perfetta, pertanto esistono solo una serie di ipotesi più o meno plausibili ed evidenze scientifiche frequenti. Così, non deve sorprendere se fra le cause della prostata ingrossata viene segnalato spesso unicamente l’invecchiamento con i suoi naturali cambiamenti a livello ormonale.

Subentrano anche i fattori di rischio, età superiore ai 50 anni in primis, ma anche sovrappeso, diabete, sedentarietà, malattie cardiovascolari e la genetica se si è discendenti di padri e nonni che ne soffrivano.

Rimedi per la prostata ingrossata

La terapia per il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna cambia a seconda logicamente dell’entità del problema. Nei casi asintomatici, ossia che non presentano ancora disturbi effettivi si può semplicemente limitarsi ad un monitoraggio con visite costanti. Nei casi invece più severi subentra il ricorso alla chirurgia dopo attente analisi e visita medica. Nei casi medi invece, dove i disturbi sono presenti ma non in forme gravi, la terapia è solitamente di tipo farmacologico.

Effettuata ossia con l’assunzione di medicinali che possono portare ad una buona riduzione dei disturbi e dunque al controllo del problema e la doverosa prevenzione del rischio di incorrere in peggioramenti.
Sono numerose le sostanze, di origine prettamente naturale o artificiale che possono intervenire con effetti positivi in tal senso. Per chi non ama imbottirsi subito di medicinali, un buon prodotto 100% naturale è Prostatricum.

Cos’è Prostatricum

Prostatricum è un integratore alimentare 100% naturale e privo di conservanti, formulato per combinare l’effetto positivo di quattro ingredienti appositamente scelti fra i più efficaci in natura. Prostatricum agisce nell’eliminare le cause della prostatite, normalizzando la minzione e le funzioni erettili, sedando così gli stati dolorosi e l’infiammazione data dalla prostata ingrossata. La sua natura, a differenza dei comuni farmaci, lo rende poi un prodotto privo di pericolosi effetti collaterali. Perfettamente in linea con gli standard imposti dall’UE, questo prodotto viene venduto in capsule. L’assunzione normale è di tre volte al giorno dopo i pasti. Una confezione contiene 30 capsule, ideali per un trattamento di prova rapido ed economico, per iniziare a verificare la sua efficacia senza impegno.

Come funziona per combattere la prostata ingrossata

Prostatricum combina l’estratto di Saw Palmetto, di Ginkgo Biloba e di Echinacea, insieme allo Zinco.
Il Saw Palmetto, già ampiamente conosciuto ed apprezzato nel trattamento dei problemi di prostata (oltre a prevenire la caduta dei capelli), è l’estratto della bacca rossastra della palma di Serenoa repens. Questa pianta del nord America dona estratti ricchi di fitosteroli e flavonoidi e interviene nel combattere attivamente il problema della nicturia.
Il Ginkgo Biloba, pianta originaria della Cina, ricco a sua volta di polifenoli e flavonoidi aiuta a combattere la formazione di radicali liberi e migliora la circolazione sanguigna, aiutando così nella risoluzione di problemi erettili.

L’Echinacea, dal noto effetto anti-infiammatorio, aiuta quindi il sistema immunitario, riducendo la comparsa delle infezioni batteriche che solitamente compaiono a seguito dei differenti problemi urinari generati dalla prostata ingrossata. Una pianta già estremamente conosciuta e apprezzata in tutto il mondo per la produzione di farmaci fitoterapici efficaci e sicuri.
Infine lo Zinco, ultimo ma non meno importante, è un prezioso alleato del sistema genito-urinario, in particolare dell’uomo. La sua carenza è correlata ad un ingrossamento della ghiandola prostatica.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PERDI PESO da soli 39 €SCOPRI DI PIU'