SESSO

Non mi tira più cosa devo fare? Rimedi e Consigli

L’impotenza è una condizione che riguarda gli uomini, quando non sono più in grado raggiungere l’erezione, mantenerla e arrivare all’eiaculazione. Il termine scientifico è disfunzione erettile, e può avere diverse cause, fisiche e psicologiche.

L’impotenza, oltre ad avere un risvolto negativo sull’equilibrio di coppia, può avere come conseguenza la depressione. Tuttavia esistono dei rimedi con cui è possibile affrontare un problema che nella maggior parte dei casi ha una soluzione, una volte individuata la causa che lo ha prodotto.

PROBLEMI DI EREZIONE?

PRODOTTI SIMILI (clicca sul nome del prodotto)

Cause dell’impotenza

Nella maggior parte dei casi, quando l’uomo affronta per la prima volta l’incapacità di avere un rapporto sessuale, si è portati a pensare a una causa psicologica, specialmente se l’inconveniente occorso a letto capita in età relativamente giovane, ossia prima dei cinquant’anni.

In realtà la disfunzione erettile può essere causata da problemi di salute:

diabete: si tratta di una patologia che impedisce all’organismo di usare l’insulina; la conseguenza è un danno ai nervi, anche quelli che stimolano le percezioni dell’organo sessuale maschile;

disturbi neurologici: alcuni morbi come quello di Parkinson, l’Alzheimer ma anche la sclerosi multipla e il cancro al cervello possono essere responsabili dell’impotenza maschile;

problemi alla prostata: quando la prostata si ingrossa i medici consigliano l’intervento chirurgico; il danno all’apparato genitale, tuttavia, in alcuni casi è fatale;

l’epilessia: soprattutto quando riguarda il lobo temporale;

ictus cerebrale;

problemi legati all’uso frequente della bicicletta: i nervi che presiedono alle sensazioni del pene possono essere danneggiati dalla pressione del sellino sulla zona pelvica;

il cancro: l’uso dei farmaci chemioterapici è letale perché ha un’influenza sul regolare flusso sanguigno, determinante per l’erezione;

le malattie per le quali si assumono farmaci: antidepressivi, anfetamine, antistaminici e diuretici possono avere effetti collaterali sulla capacità di avere un’erezione;

problemi cardiaci: se il cuore non riesca a pompare adeguatamente il sangue, l’afflusso al pene non sarà sufficiente ad avere un rapporto sessuale;

arteriosclerosi: è una malattia che ha come conseguenza l’occlusione dei vasi sanguigni;

problemi psicologici: l’ansia è la nemica principale dell’erezione; i soggetti particolarmente emotivi vivono il rapporto sessuale come una prova; si sviluppa quella che viene conosciuta come l’ansia da prestazione, che ingigantisce un incidente che potrebbe essere risolto facilmente, anche grazie alla collaborazione del partner;

problemi di abuso di cocaina ed alcool: l’assunzione di cocaina e l’alcoolismo, nel lungo periodo sono dannosi e possono provocare la disfunzione erettile.

Cosa fare se “non tira più”

Dopo aver analizzato le possibili cause patologiche dell’impotenza, si può provare a stilare una lista di rimedi alla disfunzione erettile. Un organismo può andare incontro a una mancata prestazione sessuale anche se non è affetto da alcuna delle malattie elencate; una delle cause non patologiche dell’impotenza potrebbe essere, per esempio, la scarsa tonicità dei muscoli che permettono l’erezione.

Si tratta dei muscoli perineali, da non confondere con quelli pelvici. Tra i muscoli perineali i più decisivi sono quelli ischiocavernosi: sono i muscoli che permettono l’erezione del pene in quanto impediscono al sangue di svuotare il pene, una volta che il sangue sia affluito nella zona in seguito all’eccitazione. Se il muscolo non si contrae adeguatamente il rapporto sessuale non potrà avere luogo.

Qual è il rimedio? I muscoli perineali si possono allenare, come tutti gli altri muscoli del corpo. Gli esercizi di Kegel consistono nella contrazione volontaria di tali muscoli per circa cinque secondi, e il rilassamento successivo per dieci secondi. Ripetendo queste contrazioni ogni giorno, si otterranno benefici in circa due mesi.

L’altro filone importante è quello farmacologico. Esistono prodotti sintetici come il Viagra che permettono l’erezione anche in età avanzata.
Dopo aver consultato il proprio medico curante e uno specialista, un’opzione è un intervento chirurgico che guarisca i vasi sanguigni: il medico specialista potrebbe rilevare un’anomalia delle vene che normalmente favoriscono l’afflusso di sangue.

Chi è contrario ai farmaci e alla chirurgia può ricorrere ai rimedi naturali: l’agopuntura è un’opzione molto gettonata, ma esistono anche radici e piante che aiutano a risolvere il problema: la maca e il ginseng sono tra i più famosi, assieme al succo di melograno.

Non bisogna trascurare l’importanza dell’attività fisica: è stato dimostrato che allenarsi regolarmente, prima di aver compiuto quarant’anni, aiuta la vita sessuale di coppia. Lo stile di vita sedentario è letale perché alla lunga può portare all’impotenza.

Se si è fumatori abituali e si notano performance sessuali sempre meno positive, il consiglio è di rinunciare al tabacco. Uno studio pubblicato su una celebre rivista medica inglese ha stabilito che c’è un collegamento tra fumo e disfunzione erettile. I pazienti che hanno ridotto la percentuale di nicotina nel proprio organismo hanno recuperato a pieno la loro virilità.

Fare sesso aiuta a scongiurare l’impotenza; sembrerà un’ovvietà ma non lo è: chi fa sesso meno di una volta a settimana ha più probabilità di incorrere in problemi di erezione; l’ideale è mantenere una media di tre rapporti sessuali a settimana.
Dormire di più è una regola da seguire; la mancanza di sonno riduce il testosterone, fondamentale per una vita sessuale soddisfacente; per avere una buona erezione è necessario riposare adeguatamente.

Per avere una buona erezione si consiglia la cura della propria igiene orale. Potrebbe sembrare un suggerimento improprio, in realtà c’è una connessione tra una scarsa igiene orale e la disfunzione erettile. Uno studio cinese ha scoperto che le patologie parodontali sono comuni tra i soggetti che soffrono di impotenza; i batteri della bocca si insinuano nei vasi sanguigni arrivando fino al pene.

E infine un rimedio naturale e un po’ sorprendente. L’anguria sarebbe un potente afrodisiaco grazie alla presenza di elementi benefici come la citrullina e l’arginina. L’Università del Texas, dopo aver condotto uno studio su alcuni pazienti affetti da disfunzione erettile, ha riscontrato un miglioramento della vasodilatazione nei corpi cavernosi in quanti assumevano il cocomero regolarmente.

Il dibattito è ancora aperto, in quanto una nota rivista di medicina ha confutato la tesi. Nel dubbio si potrebbe inserire l’anguria nella propria dieta, in attesa di scoprire se questo frutto sia davvero il viagra naturale.

PROBLEMI DI EREZIONE?

PRODOTTI SIMILI (clicca sul nome del prodotto)

Tags

Redazione

Curiamo la redazione di Curarsibene.it con passione ed impegno, cercando di dare quante maggiori informazioni utili ai nostri lettori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sgonfia la Pancia ed Elimina i GrassiSCOPRI DI PIU'