Salute

Genitori fumatori attenzione: i vostri figli hanno lo stesso livello di nicotina

Uno studio shock mostra che i bambini di fumatori sono esposti a rischio asma e hanno livelli alti di nicotina nel corpo.

Sei genitore e fumatore? Da oggi farai bene a fare attenzione a ogni sigaretta che fumi in casa. Secondo un recente studio shock, i bambini presentano gli stessi livelli di nicotina dei genitori fumatori. La notizia arriva dagli scienziati neozelandesi dell’Università di Otago Christchurch, che ci sono concentrati sull’effetto del fumo passivo.

Grazie alla ricerca, che è stata pubblicata su PubMed ed Epidemiology, sono stati chiamati in causa più di 500 bambini. Sono stati analizzati i campioni dei capelli e i dati legati alla dipendenza dai genitori, sia durante la gravidanza che in casa. Un primo dato ha permesso di scoprire, in media, quanto fumavano al giorno i loro genitori. Il secondo step è stato quello di concentrarsi sul tipo di effetti che questa dipendenza aveva sui più piccoli.

Individuando la relazione tra i livelli di nicotina a 15 mesi di età, con la continua esposizione al fumo per uso domestico, si è continuato ad analizzare il comportamento dei bambini fino a 6 anni.

Che cosa dice lo studio sui fumatori e sui loro bambini

I ricercatori hanno quindi potuto ottenere un dato allarmante. Il fumo passivo, come si poteva già immaginare, ha un impatto terribile sui più piccoli. I figli di genitori fumatori, a soli 15 mesi di età hanno livelli di nicotina molto più alti dei figli di genitori non fumatori. Ma non è tutto: il valore è pressoché simile tra figli e fumatori.

Ecco perché il dottor Philip Pattemore, ricercatore e pediatra, ha voluto far emergere i dati dello studio. In questo modo si vogliono sensibilizzare i genitori, mostrando loro cosa succede ai bimbi, nella speranza che smettano di fumare o almeno non lo facciano in presenza dei figli.

Le mamme che continuano a fumare in gravidanza, o i papà che fumano in presenza della futura mamma non fumatrice, possono influenzare eventuali problemi respiratori sul bambino. E’ stato riscontrato il rischio quasi raddoppiato di imbattersi nell’asma e nel respiro sibilante.

Il fumo è ovunque anche se esistono restrizioni!

Ciò che stupisce è anche un altro fattore. Nonostante esistano chiari divieti e restrizioni, è emerso da un altro studio, che il fumo può arrivare ovunque. Le sostanze contenute nelle sigarette sono in grado di entrare anche nelle nostre case, oppure negli uffici e nei locali pubblici.

Questo accade perché la cosiddetta nuvola di fumo riesce a farsi strada per mezzo dell’aria e si insinua anche dentro edifici e case di persone che non fumano.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RICEVERE LE OFFERTE: CLICCA QUI


Tags

Alessandra

Web writer nata e cresciuta a Bologna, tra tortellini e canzoni di Lucio Dalla e Gianni Morandi. Studentessa di Lettere Moderne con la passione per la scrittura.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PRODOTTO DELL'ANNO !SCOPRI DI PIU'