Cucina e alimentazione

Dieta Ipocolesterolemizzante: Come funziona e quali accorgimenti avere?

Che cos’è il colesterolo.

Il colesterolo è un composto appartenente al gruppo degli steroli, che si trova in tutti i tessuti animali ed è presente in elevate percentuali (14%) nella sostanza bianca dell’encefalo.

La sua concentrazione ematica, in condizioni fisiologiche, non deve superare il valore di 200 milligrammi per millilitro di sangue, ed ogni variazione rappresenta un indice di patologie anche di notevole gravità.

Viene sintetizzato in tutti gli organi e metabolizzato a livello degli epatociti (cellule del fegato), che in parte lo versano nel torrente circolatorio ed in parte lo trasformano in acidi biliari successivamente eliminati con la bile.

Quali sono le funzioni del colesterolo.

Il colesterolo svolge numerose ed importanti funzioni, che sono:

– trasportare gli acidi grassi con i quali è in grado di esterificarsi;
– fungere da precursore di acidi biliari;
– partecipare alla sintesi di numerosi ormoni steroidi, come quelli sessuali maschili e femminili ed i corticosurrenalici;
– controllare il metabolismo della vitamina D.

Il colesterolo è trasportato nel sangue da lipoproteine di due tipi:

– LDL o a bassa densità, che ne veicolano una quantità corrispondente al 60/80% di quello totale; poichè tali proteine mostrano un elevato grado di affinità con le cellule endoteliali dei vasi, tendono ad attaccarsi alle loro pareti provocando l’insorgenza di placche ateromatose, tipiche dell’aterosclerosi;
– HDL o ad alta densità, che svolgono un’opposta funzione in quanto contribuiscono a rimuovere il colesterolo dalle pareti arteriose per riportarlo al fegato.

Un costante ed accurato controllo della colesterolemia rappresenta un importante fattore preventivo verso l’insorgenza di molte malattie vascolari e cardiopatie coronariche . Il valore del colesterolo totale non deve superare il valore di 200mg./ml valutando attentamente anche i valori relativi del colesterolo HDL (meglio conosciuto come colesterolo buono) e di quello LDL (o colesterolo cattivo); infatti dall’analisi delle loro percentuali si possono ricavare numerose notizie utili in ambito patologico.

Ruolo della dieta nella concentrazione del colesterolo ematico.

Per mantenere sotto controllo il valore della colesterolemia è necessario impostare un corretto regime dietetico e contemporaneamente osservare alcune regole generali, come mantenere il proprio normopeso corporeo; abolire l’assunzione di bevande alcoliche ed il fumo di sigarette; praticare regolare attività fisica quotidiana per almeno trenta minuti.

Il ruolo della dieta riveste una particolare importanza e deve comprendere due aspetti fondamentali che sono:

– riduzione di alimenti che aumentano la concentrazione di colesterolo ematico (dieta ipocolesterolemizzante);
– diminuire l’apporto calorico (dieta ipocalorica);

infatti l’una senza l’altra non comporta alcun vantaggio.

Inoltre anche il meccanismo d’azione dei fitosteroli, che riducono la sua concentrazione nel sangue, è inefficace se l’alimentazione non è adeguatamente ipocalorica.

Dieta ipocolesterolemizzante.

Per impostare un corretto regime nutrizionale finalizzato ad abbassare il livello di colesterolo ematico è necessario tenere conto di alcuni presupposti fondamentali, tra cui:

– incrementare l’uso di pesce diminuendo quello della carne;
– privilegiare la carne bianca rispetto a quella rossa;
– eliminare sempre le parti grasse sia dalle carni che dagli insaccati;
– aumentare l’assunzione dei vegetali in particolare legumi, per la loro elevata attività depurativa;
– sostituire pasta e pane raffinati con prodotti integrali;
– eliminare completamente condimenti di origine animale, come burro, lardo e strutto, sostituendoli con olio di oliva extravergine;
– contenere al massimo il consumo di latticini ed insaccati grassi;
– aumentare l’assunzione di latte magro, yogurt, e latticini privi di grasso;
– assicurarsi una corretta idratazione bevendo almeno due litri di liquido al giorno.

Di seguito alcuni esempi di dieta raccomandata per abbassare il livello del colesterolo.

PRODOTTO CONSIGLIATO PER DIMAGRIRE – Piperina & Curcuma: 

Brucia il Grasso in eccesso

Brucia gli accumuli di adipe, anche a riposo, ripristinando i tessuti per riportarli allo stato originale. Una corpo in forma, senza ore di allenamento.

Velocizza il metabolismo

Un metabolismo più veloce consuma più calorie e permette all’organismo di essere più veloce nei processi digestivi e di assimilazione selettiva.

Riduce il senso di fame

Abituare il tuo corpo ad uno stato di sazietà è il primo passo per aspirare ad una perdita di peso. Grazie all’azione combinata degli ingredienti naturali.

Depura fegato ed intestino

Dopo anni di cibo spazzatura ogni corpo che si rispetti ha bisogno di un trattamento detox. Depurare fegato, reni ed intestino aiuta a mantenere la forma a lungo.

Per saperne di più su Piperina e Curcuma o per ordinare il prodotto in offerta clicca qui sotto:

Oppure leggi la recensione su Piperina e Curcuma

Primo giorno

Bevande: spremuta d’arancio, di pompelmo, centrifugato di frutta, tisana allo zenzero.
Primi piatti: riso integrale con pomodoro a pranzo e minetrone di verdure miste a cena.
Pietanze: petto di pollo alla griglia a pranzo e patate in insalata con prosciutto crudo sgrassato alla sera.
La frutta può essere consumata senza limite, avendo premura di scegliere le qualità di stagione.

Secondo giorno

Bevande: tè verde, tisana ai frutti rossi non zuccherata, spremuta di agrumi misti.
Primi piatti: pasta d’orzo integrale condita con cavolfiore e un cucchiaio di olio extravergine di oliva a pranzo, ed alla sera vellutata di zucca e carote con un pugno di fiocchi di avena.
Pietanze: un trancio di salmone alla griglia non condito a pranzo, e un tortino di verdura mista al forno senza uova alla sera.
Pane integrale tostato o gallette di riso preferibilmente bio da consumarsi liberamente.
Macedonia di frutta di stagione arricchita con yogurt magro.

Terzo giorno

Bevande: centrifugato di kiwi e carote, spremuta di pompelmo.
Primi piatti: riso integrale al basilico con un pugno di mandorle tritate a pranzo, alla sera brodo vegetale con farro integrale.
Pietanze: merluzzo lessato con un pizzico di prezzemolo a pranzo, accompagnato da carciofi in pinzimonio con olio extravergine di oliva, e 80 grammi di bresaola al limone con carote stufate a cena.
Frutta di stagione a volontà.

Quarto giorno

Bevande: spremuta di arancia, tisana alla curcuma, e latte di soia con un cucchiaio di orzo solubile.
Primi piatti: minestra rustica con orzo integrale e ceci a pranzo, minestrone di legumi con erbe aromatiche a cena.
Pietanze: petto di tacchino magro brasato con radicchio rosso in insalata condito con succo di limone a pranzo, ed alla sera fiocchi di latte e una fettina di ricotta magra accompagnata da un’insalata di verdure lessate scondite.
Mango, papaya o avocado per un dessert dal sapore esotico.

Quinto giorno

Bevande: latte di riso arricchito con un cucchiaio di miele grezzo, caffè d’orzo e tisana digestiva al finocchio.
Primi piatti: riso integrale allo zafferano a pranzo, vellutata di zucchine e broccoli a cena.
Pietanze: branzino al cartoccio con insalata mista di stagione a pranzo, ed alla sera pollo lessato con pomodori al forno sconditi.
Uno yogurt magro arricchito da un cucchiaio di marmellata d’arancio.

Sesto giorno

Bevande: latte di mandorla con un pugno di orzo soffiato, tè verde e centrifugato di carota e sedano.
Primi piatti: pasta di farro integrale condita con funghi passati in padella con l’olio a pranzo, alla sera zuppa di fagioli e ceci.
Pietanze: cefalo ai ferri condito con olio di oliva e succo di limone, finocchi al vapore a pranzo, a cena due fette di petto di tacchino al forno con patate lessate.
Frutta di stagione accompagnata da yogurt magro.

Il settimo giorno può essere lasciato all’iniziativa personale senza seguire alcuno schema dietetico.

Approfondimenti:

Dieta Ipocolesterolemizzante: Come funziona e quali accorgimenti avere?
5 (100%) 1 vote

TI POTREBBE INTERESSARE:
Tags

Redazione

Curiamo la redazione di Curarsibene.it con passione ed impegno, cercando di dare quante maggiori informazioni utili ai nostri lettori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.