Salute

Bocca Salata e sapore Salato in Bocca: Cause e Come risolvere il problema

Può capitare di avvertire costantemente uno sgradevole sapore salato in bocca, anche a digiuno, oppure dopo aver assunto alimenti tutt’altro che salati; si tratta di un’errata percezione sensoriale che dipende dai recettori gustativi localizzati sulle papille della lingua.

Tale sensazione appartiene ad un disturbo chiamato “cacogeusia” che si manifesta ogni volta che un individuo sente la “bocca cattiva“.

La lingua è l’organo deputato alla percezione dei sapori

La lingua è un organo con una componente interna muscolare ed una superficiale costituita da cellule sensitive estremamente specializzate che consentono di apprezzare distintamente tutti i vari sapori.

La sensibilità gustativa permette di distinguerne quattro tipi, e precisamente:

  • dolce;
  • amaro;
  • salato;
  • acido.

Essi vengono percepiti attraverso le papille, localizzate sull’epitelio linguale, e distinte in fungiformi, foliate e circumvalate.

Una volta che la percezione gustativa ha stimolato tali papille, l’impulso sensitivo viene veicolato, tramite terminazioni nervose, fino al centro gustativo localizzato sulla corteccia cerebrale; a questo punto l’individuo è in grado di avvertire un determinato sapore.

In condizioni fisiologiche la lingua può sentire tutti i sapori in maniera distinta e soprattutto corrispondente alla loro natura, ma, in alcuni casi, si possono verificare delle anomalie gustative: si parla allora di disgeusia, ovvero di alterazione del senso del gusto.

Tale disturbo ha diverse cause, che sono riconducibili principalmente a processi infiammatori linguali, come la candidiasi, la glossite, la stomatite o la xerodermia; ma anche a sindromi neurologiche o psichiatriche.

Spesso la disgeusia è una conseguenza dell’assunzione di determinati farmaci, di alcolismo, di elevato consumo di sigarette, ma soprattutto di scarsa igiene orale.

La bocca salata consiste in un’anomalia gustativa

La sensazione di sapore salato in bocca è un disturbo facente parte della sopracitata disgeusia, che può essere momentaneo (quando viene percepito soltanto per pochi istanti, magari dopo aver mangiato un determinato cibo), temporaneo (quando si protrae per alcuni giorni, indipendentemente dal tipo di alimenti assunti) oppure cronico (quando si mantiene per mesi).

Le cause della bocca salata sono riconducibili a diverse patologie

sapore Salato in Bocca

Il sapore salato in bocca è un disturbo molto sgradevole, ma, nella maggior parte dei casi, non particolarmente grave, anche se non deve mai essere sottovalutato in quanto è pur sempre la spia di un malessere metabolico.
Le cause più comuni di tale disturbo sono:

– disidratazione, quando la quantità di liquidi introdotti con la dieta è inferiore alla quantità di quelli eliminati, l’organismo va incontro al processo di disidratazione, in seguito al quale i tessuti appaiono secchi ed opachi e possono insorgere disturbi a livello dell’apparato cardio-vascolare. I liquidi corporei diminuiscono di volume e tendono a concentrarsi, aumentando la loro pressione osmotica. Tutti questi fattori possono interferire anche con la percezione sensitiva dei sapori, in particolare acuendo quella del salato.

– Scarsa igiene orale: se la bocca non si trova costantemente in condizioni di perfetta igiene, essendo a contatto con l’ambiente esterno, è possibile che venga colonizzata da microrganismi patogeni, soprattutto batteri, che, accumulandosi, potrebbero provocare diverse infiammazioni con conseguente sensazione di gusto salato.

PER UNA MIGLIORE IGIENE ORALE E UN SORRISO PIU’ BIANCO TI CONSIGLIAMO QUESTO PRODOTTO:

 

– Carenze vitaminiche o minerali: si è constatato che alcune carenze vitaminiche, in particolare quella di vitamina B 12, coinvolta nella produzione di eritrociti, possono provocare l’insorgenza del sapore salato in bocca; come anche una carenza di zinco, microelemento indispensabile nella risposta immunitaria del soggetto, determina tale sgradevole sensazione.

PRODOTTO CONSIGLIATO PER CARENZA VITAMINE:

immunage

– Sinusite: si tratta di un’infiammazione di natura batterica che colpisce la gola ed i seni paranasali con un’iper produzione di catarro che, depositandosi, potenzia la moltiplicazione degli agenti infettanti. Quasi sempre tale disturbo provoca delle conseguenze anche a livello della bocca, dato che il catarro può far insorgere la sensazione di sapore salato.

– Reflusso gastro-esofageo: si verifica quando, in seguito ad anomalie anatomiche delle valvole che collegano lo stomaco all’esofago, in determinate condizioni, si verifica un movimento anti-peristaltico che spinge verso l’alto il bolo alimentare. In queste condizioni è piuttosto comune avvertire lo sgradevole gusto salato.

– Fumo: chi è solito fumare quotidianamente un numero elevato di sigarette potrebbe sviluppare un’infiammazione a livello delle ghiandole salivari, che, non funzionando bene, causerebbero l’insorgenza del disturbo della bocca salata.

SE VUOI SMETTERE DI FUMARE TI CONSIGLIAMO QUESTO PRODOTTO NATURALE:

 

– Sindrome di Sjogren: si tratta di una patologia cronica di natura autoimmune che consiste in un’infiammazione che provoca la distruzione di alcune ghiandole endocrine, tra cui anche quelle salivari; in questo caso, una conseguenza possibile è quella dell’insorgenza del sapore salato in bocca.

– Assunzione di alcuni farmaci: alcuni principi terapeutici, come quelli presenti nei farmaci contro l’ipertiroidismo, nei decongestionanti, in alcuni ipotensivi, negli antistaminici, in molti ansiolitici ed antidepressivi, e soprattutto nei chemioterapici, facilmente causano l’insorgenza del gusto salato.

– Gocce oculari: quando si instillano i colliri salini, spesso alcune gocce scendono attraverso il canale naso-lacrimale ed arrivando fino alla bocca provocano la sensazione di salato.

– Tumore cerebrale: in rari casi, la percezione di bocca salata può essere riconducibile ad alcune forme neoplastiche del cervello che coinvolgono le aree della corteccia dove ha sede il centro del gusto.

Per risolvere il problema della bocca salata esistono varie possibilità

Una volta stabilita la causa che sta alla base del disturbo della bocca salata si possono attuare alcune precauzioni per arginare la sintomatologia.

– Se la causa è rappresentata dalla disidratazione, è consigliabile incentivare l’assunzione giornaliera di liquidi, al fine di ripristinare un corretto equilibrio idrico-salino;

– se la causa è riconducibile all’assunzione di un determinato farmaco, è sufficiente sospenderne l’utilizzo, sostituendolo con uno contenente il medesimo principio attivo (qualora sia indispensabile), ma con differenti eccipienti (spesso responsabili di numerosi disturbi);

– se la causa è la scarsa igiene orale bisogna porre maggiore attenzione a questa pratica, indispensabile per il benessere di tutto l’organismo;

– se la causa è rappresentata da malattie infettive basta intraprendere una terapia mirata alla guarigione;

– se la causa è dovuta a carenze di vitamine oppure di minerali è sufficiente assumere degli integratori alimentari che siano in grado di sopperire a tali mancanze.

Tags

Redazione

Curiamo la redazione di Curarsibene.it con passione ed impegno, cercando di dare quante maggiori informazioni utili ai nostri lettori.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.