Salute

Apnee notturne: conoscerle per intervenire in tempo

Se ti svegli affaticato, stanco e con il mal di testa molto probabilmente hai dormito male. Può capitare, una volta tanto, di dormire male e di riposare poco o nulla.

Basta andare a dormire prima il giorno successivo, magari stando attenti a cosa si mangia o facendo un bel bagno caldo e tutto dovrebbe tornare alla normalità.

Quando però ti svegli continuamente spossato e stordito, quando rischi di addormentarti tutte le volte che sei seduto comodamente su una sedia o alla scrivania del lavoro, significa che c’è qualcosa che non va. I problemi legati al sonno sono tantissimi e uno di questi riguarda l’insorgenza delle apnee notturne. Dormire mentre la nostra respirazione va in blocco momentaneo significa mandare in stress l’organismo e creare scompensi alla pressione arteriosa, ai livelli di ossigeno nel sangue e a svegliarsi di continuo compromettendo il riposo.

Si tratta di un problema molto comune e al tempo stesso molto difficile da diagnosticare. Per questo è bene fare chiarezza sull’argomento e imparare a riconoscere le apnee del sonno per intervenire prontamente.

Come riconoscere le apnee?

Come anticipato poc’anzi le apnee del sonno colpiscono quando siamo inconsci e sono difficili da individuare, specialmente se dormiamo da soli.

Ciò che accomuna le persone colpite da apnee notturne sono i sintomi diurni: sonnolenza, stanchezza, irritabilità, mancanza di lucidità, mal di testa, sbadigli frequenti, giramenti di testa ecc…

Nei casi più gravi e trascurati questi sintomi possono anche portare il soggetto ad addormentarsi di giorno mentre svolge qualsiasi attività e compromettere la sua vita relazionale con parenti, amici o colleghi di lavoro. Per questo le apnee notturne non sono da sottovalutare e trascurare ma bisogna saper riconoscere i sintomi e capire cosa succede mentre dormiamo.

Chi dorme in compagnia del proprio partner, in parte, può essere aiutato a capire se soffre o meno di apnee notturne. Difatti i soggetti colpiti hanno il sonno molto agitato e alternano forti rumori della respirazione a momenti di silenzio, con sbuffi, gemiti e lamenti.

Tipi di apnee del sonno e conseguenze

Le apnee sono di tre tipi generalmente: centrale, ostruttiva e mista. La prima riguarda il mancato recepimento del cervello degli stimoli nervosi della respirazione, per cui lo stesso dimentica di respirare.

La seconda deriva da ostruzioni delle vie respiratorie e mette sotto stress l’organismo da un punto di vista cardiovascolare, laddove i polmoni si gonfiano ma l’aria non riesce ad uscire.

La terza è il mix di ragioni che derivano dalle apnee centrali e da quelle ostruttive, molto più rara ma pur sempre complessa da diagnosticare. Qualunque sia la tipologia di apnea è ovvio che non vada mai trascurata, perché le conseguenze su salute e psiche possono diventare anche molto gravi.

Alle prime avvisaglie è importante parlarne subito con il medico e procedere agli accertamenti qualora lo stesso lo ritenga necessario. Per esser considerate patologiche, le apnee del sonno devono essere molto frequenti e durature, per cui sarà sicuramente opportuno sottoporsi a vari testi per appurare l’entità del problema. In ogni caso sempre meglio intervenire ai primi dubbi che lasciar passare del tempo.

Realizzato con il supporto di Philips

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PERDI PESO CON QUESTA OFFERTA 4x1SCOPRI DI PIU'